Irrigidire i lavori al chiacchierino: tutte le tecniche e una novità!

Irrigidire i lavori al chiacchierino


irrigidire lavori chiacchierino

 

Per irrigidire i nostri lavori al chiacchierino esistono metodi diversi, ma anche una colla molto particolare.

irrigidire lavori al chiacchierino

Prima di tutto farei una panoramica veloce sulle soluzioni tradizionali  che sono state adottate, nel corso del tempo, per dare corpo e solidità ai pizzi in generale, con i relativi pro e contro.

Esistono sostanzialmente tre metodi diversi per indurire i nostri lavori, semplici ed economici: l’unico neo che hanno in comune è che bisogna sempre attendere che i pezzi si asciughino. Ci vuole un po’ di pazienza, ma chi lavora al chiacchierino, lo sappiamo, ne è dotato in abbondanza!
Si possono utilizzare queste tre tecniche:
. acqua e zucchero,
. acqua e amido di mais in fiocchi,
. colla vinilica diluita.
Personalmente ho sempre optato per la colla vinilica, almeno fino a ieri…

ACQUA E ZUCCHERO

Le proporzioni di acqua e zucchero variano a seconda della rigidità che si vuole ottenere.
Ho cercato tra i consigli di chi l’ha sperimentata e la partizione migliore risulterebbe questa:
4 cucchiai di zucchero in 5 cucchiai di acqua.
Per un indurimento più leggero si dovrà aumentare semplicemente la quantità di acqua.
Il procedimento è il seguente: si pongono acqua e zucchero in un pentolino sul fuoco e si fa bollire per massimo due minuti, continuando a mescolare. Poi si lascia intiepidire e si immerge completamente il lavoro nel liquido zuccheroso.
Chiaramente, questa tecnica ha lo svantaggio di non essere molto indicata dove sono presenti perline, ma è perfetta per lavori tridimensionali, soprattutto se realizzati in filato bianco.

AMIDO DI MAIS

L’amido di mais si trova tranquillamente nei supermercati, quindi è facile reperirlo.
Le dosi sono queste: un cucchiaio di fiocchi di amido, ogni tazzina da caffè di acqua.
Anche in questo caso, l’amido va sciolto bene e poi posto in un pentolino sul fuoco. Bisogna attendere che il composto si addensi e poi immergervi il lavoro.
I pizzi non risulteranno molto rigidi, ma si asciugheranno abbastanza velocemente. Questo procedimento non è molto adatto alle creazioni colorate, perché perdono lucidità e risultano un po’ gessose. I pezzi dovranno poi essere stirati con l’accortezza di frapporre sempre un panno tra il lavoro e il ferro da stiro, per evitare di farli attaccare!

COLLA VINILICA DILUITA

La proporzione consigliata in vari siti web è di tre cucchiai di colla vinilica in un cucchiaio di
acqua. (Personalmente ho sempre usato la proporzione 1:1).

Il procedimento, comunque, è questo: dopo avere preparato il composto, i pizzi vanno immersi completamente, poi tamponati e infine messi ad asciugare. In presenza di perline, cristalli o elementi metallici inseriti nelle nostre creazioni, io consiglio sempre di armarsi ancora una volta di santa pazienza e di uitlizzare un pennellino per distribuire la colla solo sul pizzo e non sulle altre parti che compongono i nostri lavori, onde evitare che queste ultime si opacizzino.
Questo metodo per irrigidire è più veloce degli altri due: i colori restano brillanti, lucidi e vivaci e non hanno quell’effetto polveroso, tipico delle altre due tecniche, anche se i lavori risulteranno un pochino appesanti.

A presto, amiche chiacchierine!

(Ringrazio La Buru, maestra e consigliera nel web, perchè è a lei che mi sono ispirata per questo articolo).

E’ arrivato il momento di parlarvi dell’ultima soluzione per indurire i pizzi. Chi fosse interessato, continui a seguirmi nel prossimo articolo (http://paperdreamcreations.altervista.org/colla-gel-per-lavori-al-chiacchierino/): è lì che spiegherò cos’è e come utilizzare la famosa colla in gel!

 

chiacchierino ad ago, creazioni artigianali, handmade, irrigidire pizzi , , , , ,

Informazioni su Stefania

Questa è una pagina dedicata alla creatività: una piccola finestra sul frutto dei miei passatempi preferiti. Un modo divertente per condividere i miei interessi. Mamma per scelta a tutto tondo, mi sono dedicata per una vita intera ai miei tre figli e alla mia famiglia, senza annullarmi totalmente in questo ruolo. Non avendo possibilità di crearmi spazi al di fuori dell'ambiente casalingo, ne ho realizzato uno tutto mio tra le quattro mura di casa. Uno spazio creativo, appunto, dove dar sfogo alla mia passione per tutto quello che ha a che fare con le arti manuali. Sono anni che mi dedico con entusiasmo alla realizzazione di fiori di carta, borse all'uncinetto e bijoux confezionati applicando tecniche varie, sempre diverse (dalla lavorazione della pasta di mais, al coiling gizmo, fino ad arrivare al mio adorato chiacchierino). I miei"hobby mi permettono di dare forma a piccoli oggetti artigianali che sono praticamente pezzi unici, essendo frutto del mio ingegno e interamente realizzati a mano. Ma fantasiosa è anche l'abilità in cucina: posterò ricette, sicuramente, e consigli utili a chi si diletta di arte culinaria! E inviterò chi lo desidera a fare altrettanto, per arricchire di curiosità e novità queste mie pagine. Cosa esiste poi di più creativo del linguaggio? Lettura e scrittura sono un'altra delle mie grandi passioni. Il mio amore smisurato per i libri mi ha portato a coltivare, un po' in segreto, un altro piccolo hobby: la scrittura creativa. Non per niente questa mia pagina l'ho intitolata PaperDream...

Precedente Portachiavi Paperdream con Monogramma Successivo La Colla Gel, ideale per lavori al chiacchierino

Lascia un commento

*